Dizione e grammatica.

Stefano Rossignoli 8 Ottobre 2009

Continua la rassegna di come penso che debba essere la divulgazione scientifica.

Oggi mi preoccupo del linguaggio. Scusate la presunzione ma mi permetto di parlare anche del linguaggio da utilizzare durante le lezioni universitarie.

Per prima cosa parliamo della dizione. Le parole devono essere scandite con estrema chiarezza, a bocca aperta e non chiusa o semichiusa con particolare attenzione alle vocali e alle doppie, per non parlare del susseguirsi di consonanti o di vocali a cui va prestata la massima attenzione. Questo farà anche dormire (o arrabbiare) meno gli interlocutori!

Vi chiederete da dove arriva tutto questo!

Dalla musica. Io sono un musicista e compongo canzoni. La scienza è solo una delle mie tante passioni.
Canto e suono le mie canzoni e, mentre la gente non si permette quasi mai di criticare un professore direttamente, non vi rendete conto di quanto invece si permette di criticare una canzone o un cantautore, soprattutto se lo conosce. Vi assicuro che per cantare una canzone propria ci vuole più coraggio che per spogliarsi dei vestiti! …quindi, all’inizio, quando le parole dei miei pezzi non si capivano, ne ho sentite di tutti i colori anche per quel motivo!

Ora arriviamo alla grammatica.
Il linguaggio, oltre a dover essere scandito perfettamente, ritengo che debba essere estremamente corretto. Condizionali e congiuntivi non devono essere sostituiti. Devono essere utilizzati perfettamente.

Bisogna assolutamente evitare i mugugnii ad esempio mmmmmm, eeeeeeee, e gli intercalari ad esempio i no, cioè, praticamente…e la peggior parola del momento:”TIPO”, che viene usata quasi sempre quando non vuol dire nulla!
Oppure pensate a quanto è brutto cominciare una frase con:”Niente…”!

L’ultima nota di questo piccolo articolo riguarda la costruzione delle frasi.
Le frasi devono essere complete. non possono essere lasciate a metà pensando che lo studente o il turista le completi da solo nella sua mente, perchè non le completerà. Semplicemente non capirà e basta.