Manuale – Parte 1

Manuale – Parte 2

Manuale – Parte 3

Da una domanda di Flavio Cerroni comincio la quarta parte del manuale di Cartografia dedicata a chiarimenti e precisazioni…

Calcolare l’area di un bacino idrografico con la carta millimetrata…

Puoi consultare il manuale gratuitamente,

oppure fare una piccola donazione (3€ ad esempio) con carta di credito cliccando sul tasto “Donate” nella barra laterale.

Grazie!

conto-i-quadretti

Più difficile a dirsi che a farsi!!! …ma prima leggiamo!

Ciao mi chiamo Flavio, ti scrivo per chiederti una cosa riguardo alla tua pubblicazione che hai fatto su scienzafacile.it.
Ho letto il tuo manuale di topografia ( tutte e 3 le parti pubblicate); lo trovo molto utile ed interessanti però vorrei chiederti una cosa a riguardo di un argomento che non hai citato. Come si calcola l’area di un bacino idrografico con la carta millimetrata?
ti ringrazio per l’attenzione!
Flavio

Ovviamente sono io che devo ringraziare Flavio e le migliaia di utenti che utilizzano il mio manuale dandomi molta soddisfazione, ma ora occupiamoci di questo argomento.

Esistono dei programmi che svolgono questa operazione, ma sono convinto che la ‘versione manuale’ aiuti molto di più a ragionare e successivamente ad utilizzare con maggior cognizione di causa anche quelle digitali…

Il calcolo dell’area di un Bacino Idrografico ha una sua utilità.

Dall’area del bacino si può calcolare il volume di acqua raccolto moltiplicando semplicemente per i mm di acqua caduti durante le precipitazioni. Ovviamente tutto ciò che cadrà in una data area non si trasformerà totalmente in acque a scorrimento superficiale, ma in parte verrà assorbita dal terreno o andrà a far parte della rete idrica sotterranea nel caso ce ne sia una…

Ad esempio, in occasione di importanti precipitazioni saranno molto diverse le conseguenze per le zone percorse da un fiume o occupate da un lago con un enorme o un ridottissimo bacino idrografico.

Mai sentito parlare di straripamento del Garda?

No, ovviamente, perchè l’estensione del suo bacino idrografico è irrisoria rispetto al volume di acqua raccolto nel lago.

Il contrario è ad esempio per il lago Maggiore che ha un bacino idrografico immenso, quindi raccoglie molta più acqua di quella che può ‘sopportare’ e quindi straripa molto spesso.

Ma veniamo al ‘calcolo’. In effetti si tratta di risolvere un semplice problema di geometria e di fare una moltiplicazione. Parlando di geometria, preciso anche che l’area del bacino idrografico sarà l’area di una superficie piana e non considera l’esistenza dei rilievi e quindi l’effettiva area della superficie terrestre in questione.

Dopo aver tracciato il bacino idrografico sulla carta, prendiamo un foglio di carta millimetrata trasparente e ricalchiamo  il bacino…

Abbiamo racchiuso quindi una superficie quantificabile in un numero di quadretti di un millimetro di lato. Tutto sta a contarne quanti ce ne sono e a moltiplicare il loro numero per l’area di bacino che corrisponde ad un quadretto.

Semplice no? Ecco un esempio:

Supponiamo di aver tracciato lo spartiacque di un bacino su una tavoletta IGM 1:25000 come ad esempio questo situato sotto il colle di Cussuna dalle parti di Rhemes Notre Dame (AO).

bacino-carta

Ora lo ricalchiamo su un foglio di carta millimetrata trasparente oppure su un foglio non trasparente premuto sulla finestra come ho fatto io!!!

bacino-millimetrata

Ora non ci resta che contare i quadratini!

Sono 2178! In scala 1:25000, un millimetro quadrato sulla carta millimetrata corrisponde nella realtà a 625 m2, quindi l’area totale del bacino è 1361250 m2 che corrispondono a 1.361250 Km2.

I quadratini però non li ho mica contati uno alla volta!!! Mi sono semplificato un po’ la faccenda assegnando dei valori ai quadrati più grandi da 100 quadratini, poi da 50 e anche da 25. Gli altri li ho contati ad uno ad uno, approssimando un po’, soprattutto quando lo spartiacque tagliava diagonalmente i quadratini!

bacino-millimetrata-conto

 

Puoi consultare il manuale gratuitamente,

oppure fare una piccola donazione (3€ ad esempio) con carta di credito cliccando sul tasto “Donate” nella barra laterale.