Paludi e Squame – Rettili e Anfibi d’Italia

Il Libro di Marco Colombo e Matteo Di Nicola

Stefano Rossignoli 22 ottobre 2014

Ascolta il file audio dell’articolo in formato .mp3

Tritone sardo o euprotto (Euproctus platycephalus), specie presente solo in Sardegna
Tritone sardo o euprotto (Euproctus platycephalus), specie presente solo in Sardegna, per la quale l’aggettivo “minacciata” è forse un eufemismo…

Eccolo!

Attraversa ancora la stradina pedonale i primi di novembre.

Che bello! Nero, nerissimo con quella meravigliosa striscia gialla sulla schiena!

Mi avvicino, sposto un po’ di foglie gialle, marroni e rosse che gli intralciano il percorso e lo osservo, con la sua andatura serpentina, ondeggiante a destra e sinistra.

Non è goffo ma è lento …è piccolo e un po’ invisibile tra le foglie e l’asfalto.

Ho paura che qualcuno lo investa, allora lo scorto fino a che ha attraversato completamente. Non resisto alla tentazione di sfiorare con le dita la sua pelle morbida e vellutata …e magari anche di prenderlo un attimo tra le mani.

Mi piace. Lo chiamo salamandra ma non lo è! Ho 7 anni. Sono piccolo e un po’ ignorante ma già stregato dalle bellezze della Natura…

Ora non succede più.

Sono passati più di 30 anni ma mi sembra ancora ieri, quando incrociavo i tritoni crestati giovanili su quella stradina nei pomeriggi dei primi di novembre.

Vorrei una fotografia.

Vorrei una fotografia del tritone ma anche di me a 7 anni che prendevo come un gioco il suo attraversamento da fosso a fosso. Li aiutavo, li disturbavo di sicuro, ma ero un bambino…e vorrei esserlo ancora con tutto quel ben di Dio intorno…

Ora però ne ho molte di immagini di quegli animali e anche di molti loro parenti Italiani.

le vecchie prove di stampa in "Casa Paludi e squame"
le vecchie prove di stampa in “Casa Paludi e squame”

Ho anche moltissime immagini di Rettili; anch’essi tutti Italiani. Italiani come me e come la maggior parte di voi lettori.

E’ così che li considero. Italiani!

Questi piccoli animali sono esattamente come noi, fanno parte del nostro ambiente come noi facciamo parte del loro;

un mondo dagli equilibri delicati sotto ogni punto di vista, anche ambientale.

Ed è così che li ritraggono Marco e Matteo, nel loro ambiente che è anche nostro, in uno stagno dietro casa, o a 2000 metri di quota, davanti alle mura di un castello, nell’atto di cacciare o di sfilare, di accoppiarsi, sulla difensiva e a volte ignari di quel che gli succede intorno, esattamente come noi.

Paludi e Squame, il nuovo libro fotografico di Marco Colombo e Matteo Di Nicola mi riporta ad osservare da vicino questi vertebrati meravigliosi. Sono queste le immagini che ora ho!

paludi e squame - Il libro di Marco Colombo e Matteo di Nicola
più grande della soddisfazione di fare questo libro, vi è solo la soddisfazione di presentarlo ai diretti interessati!

Mi riportano anche un po’ in dietro nel tempo, prima che i “nuovi” Gamberi killer della Louisiana si mangiassero tutte le larve dei tritoni e di molti rospi e rane delle mie parti.

I serpenti qui ci sono ancora…ma sempre di meno (Non vi dico dove di preciso, perchè così si fa!). Li osservo stregato durante l’estate ma, guardare le fotografie di Matteo e di Marco mi fa sorridere e rabbrividire ogni volta.

Sono semplicemente strepitose!

Paludi e squame! Un libro da avere in casa e da leggere e sfogliare spesso, per rendersi conto della bellezza di questi piccoli animaletti Italiani …e per rendersi conto di cosa stiamo perdendo.

Grazie a Marco e Matteo per questa raccolta di immagini.

Grazie per queste emozioni.

Conoscere per fotografare, fotografare per conservare…così scrivono sul retro della copertina!

Spedizione di  "Paludi e Squame"
oggi consegnati 98 libri… sono liquefatto! Notare il geco a tema sul vetro dell’auto

Milano Montagna – Professor Smiraglia. Intervento a Mountain in the City

Stefano Rossignoli 18 ottobre 2014 – Immagini: giuliamonego.com

Se la Montagna non va a Milano, Milano va alla Montagna.

Giulia Monego - Action in the Alps
Giulia Monego – Action in the Alps

 

Milano è una grande città e, per quanto io non ne sia il più grande amante, sono innumerevoli le occasioni e gli eventi che ogni giorno, in qualche modo, la colorano.

Questo w-end è stata la volta di “Mountain in the City“.

Sono stato lì la prima sera, in Università statale in via Festa del Perdono, dove qualche anno fa mi iscrissi e mi laureai in Scienze Naturali!

Free riders, guide alpine e sciatori estremi presentavano le loro attività, molto simili in alcuni aspetti a quello che cerco recentemente sulla mia Mountain Bike. Filmati spettacolari, mozzafiato che mi han fatto un po’ tornare quella voglia di sciare veloce e di saltare che spinge sempre forte dentro di me e che avevo nei primi anni 90, quando a metà maggio cominciavo ad aspettare la neve dell’inverno successivo…

Però non vi parlo di questo perchè non sono più dell’ambiente dello sci da molto tempo e non me ne intendo più. Posso solo sottolineare la mia ammirazione e invidia per Davide Capozzi e Luca Rolli che hanno ripetuto dopo 28 anni la discesa della “Parete che non c’è”, ovvero la Est dell’Aguille Blanche de Peuterey effettuata per la prima volta da Stefano De Benedetti nel 1986.

Sotto le pareti del M.Bianco ho vissuto per circa quattro anni della mia vita e ne ho sempre subito il timore e il fascino crescendo col mito di chi le percorreva sia in salita che in discesa con gli sci o la tavola…

Sottolineo poi la mia ammirazione per le donne free-rider.

Adoro da sempre le atlete, specialmente quelle un po’ più lanciate. Le ammiro sia fisicamente sia per la loro dedizione e mi ha colpito incrociare e vedere Giulia Monego, poter guardare i video che la ritraggono protagonista e conoscere un poco le sue conquiste…giusto per dirne una: 1° calssificata O’neill Xtreme’06 Verbier CH…

Giulia Monego - intervistata a "Mountain in the City" 16 ottobre 2014
Giulia Monego – intervistata a “Mountain in the City” 16 ottobre 2014 – foto facebook

Quello di cui vi parlerò invece è l’intervento del Professor Smiraglia che già conoscerete di certo.

La cosa che più mi ha affascinato questa volta è che c’è sempre qualcosa di nuovo. Ci si accorge dell’evoluzione della ricerca scientifica. E questo forse lo percepisco ancor di più da quando ne sono Leggi tutto “Milano Montagna – Professor Smiraglia. Intervento a Mountain in the City”

Ghiacciaio del Pre de Bar – Storia di avanzate e ritiri negli ultimi 20000 anni

Stefano Rossignoli 29 luglio 2014

ghiacciaio di pre de bar 1983 sf
ghiacciaio di pre de bar 1983 per scienzafacile.it

Ho revisionato appena ora l’articolo sottostante che tratta di ghiacciai e di uno in particolare, quello di Pre de Bar sul quale ho girato anche un breve video-post durante l’estate 2012.

Ieri, mio papà ha voluto perdersi nei ricordi e ha rovistato tutta la sera nel borsone delle fotografie di famiglia. Un album di fotografie scattate in Val Ferret mi ritraeva piccino, all’età di circa 10 anni durante una gita in cui andammo ad osservare la fronte del Ghiacciaio di Pre de Bar (rigorosamente da lontano… “Non ci si avvicina alle fronti dei ghiacciai. E’ pericoloso” ripeteva insistentemente mio papà! …come dargli torto in questo e in molti altri casi?).

E’ dunque intorno al 1983 che è stata scattata questa splendida immagine di apertura che può solo far morire d’invidia noi, amanti dei ghiacci alpini che vanno scemando di anno in anno. (ingranditela e godetevela cliccandoci sopra!)

Auguriamoci almeno che gli anni senza estate come questo servano ad addobbare di nuovo le alte vallate alpine e appenniniche, nonché  a regalarci riserve abbondanti d’acqua per il futuro…

Stefano Rossignoli 27 settembre 2012

Ghiacciaio di Pre de Bar - La netta linea di separazione...
Quel che resta del Ghiacciaio di Pre de Bar e la netta linea di separazione…

Scherzosamente, io e il mio socio di trekking Daniele abbiamo definito la nostra vacanza, una vacanza scientifica perchè, per mia fortuna, durante il nostro trekking 2012 (vedi gli altri trekking qui) io ero molto allenato, lui un po’ meno, allora ne approfittavo sempre per chiacchierare, spiegare, puntualizzare su tutto ciò che vedevamo e per mia fortuna Daniele ascoltava senza annoiarsi…

Il nuovo video post riguarda le avanzate e i ritiri del Ghiacciaio di Pre de bar in alta Val Ferret (AO) e in questo frangente volevo spiegare brevemente come si può ricostruire la sua storia semplicemente dai depositi lasciati e, in questo caso, semplicemente dal colore dei depositi e dall’attività erosiva …ma forse è meglio se prima vi guardate il video.

Bene. Da cosa dipende la differenza di colore tra l’alloggiamento del ghiacciaio negli anni 80/primi anni 90 e quello invece più antico della Piccola Età Glaciale? Dipende soprattutto dalla vegetazione…

I sassi, ecc lasciati liberi negli anni 90 non sono ancora stati popolati dalla vegetazione. Forse solo da qualche lichene o poco altro, mentre le zone libere dal ghiacciaio da oltre 100 anni sono ricche di copertura vegetale.

Anche gli alberi, man mano che passa il tempo riescono a colonizzare le morene glaciali fino a certe quote, ma hanno bisogno di tempo appunto.

Quindi, dalla copertura vegetale da cui dipende anche il colore delle morene si può ricostruire da quanto tempo queste siano state abbandonate dal ghiacciaio. Il colore delle rocce delle morene dipende anche dall’alterazione chimica ma anche le reazioni chimiche hanno bisogno di tempo…

Questo ovviamente lo si può fare anche ad occhio per casi come questo…

Un altro fattore importante per comprendere da quanto tempo il ghiacciaio se ne sia andato, è quello dell’erosione.

Superfici appena abbandonate presentano spigoli netti (morene aguzze ad esempio) ed intensa attività erosiva e gravitativa.

Superfici antiche sono sempre più arrotondate e smussate man mano che l’età aumenta…

Così, e con un po’ di esperienza si può ricostruire la storia di un ghiacciaio nelle ultime migliaia di anni.

Da sottolineare che oggi la vegetazione è anche misurabile. La lichenometria (studio della dimensione dei talli lichenici) e soprattutto la dendrogeomorfologia (studio degli anelli di accrescimento dei fusti degli alberi in base alla loro posizione nello scenario geologico) ci ‘regalano’ ogni giorno nuovi dati per comprendere al meglio i cambiamenti dei ghiacciai: indicatori climatici e ambientali di prim’ordine.

Con questo vi saluto e vi do appuntamento alla ricostruzione di avanzate e ritiri glaciali in base alla morfologia di una valle laterale della Val Ferret.

A presto.

Stefano Rossignoli