Serve AIUTO per Tesi in Archeologia ma anche in Micropaleontologia!

Stefano Rossignoli 20 agosto 2011

Seppur con qualche problema residuo al pannello di controllo del sito ricomincio ad aggiornare…

 

calpionella-alpinaBuongiorno, sono una studentessa laureanda in archeologia (triennale), navigando alla ricerca di elementi utili alla tesi ho trovato il suo blog scienza facile (a proposito, veramente interessante) e ho pensato di scriverle per chiederle consiglio.

Il lavoro della mia tesi prevede lo studio di una ventina di microfossili presenti nel manuale “southern tethys biofacies” scritto dall’Agip negli anni ’80 (Calpionella alpina, Globuligerina, Saccocoma, Ticinella, ecc…):

avrei bisogno di trovare informazioni riguardanti l’ambiente in cui viveva “l’animale” quando era in vita.

Aggiungo che considero fossili della zona Trentino-Veneto-Friuli del periodo Giurassico-Cretaceo.

In giro sono presenti libri sull’argomento?

La ringrazio. Ewa.

 

Eccomi qui Ewa!

Non avendo a che fare con microfossili molto spesso, la domanda inizialmente mi ha spiazzato!

Forse mi ha spiazzato anche il ‘lei’!!! …da quando ho fatto l’esame di Paleo generale molti anni fa e qualche rara volta a ‘rubare’ qualche strumento ai micropaleontologi che mi serviva per la preparazione dei fossili…non ho avuto molte occasioni di utilizzare i microfossili…

Recentemente comunque, facendo da tutor ad un tesista di Paleontologia, mi sono imbattuto nella loro importanza stratigrafica, soprattutto per quanto riguarda i conodonti del Pelsonico (Triassico medio)…

Tra i nomi che citi, qualcuno però lo avevo già sentito dire o, per lo meno, ci avevo buttato l’occhio per caso durante i miei studi passati…

Sono andato a riprendere L’Allasinaz (PALEONTOLOGIA GENERALE E SISTEMATICA DEGLI INVERTEBRATI) di Paleontologia ed ecco che esce qualcosa, ad esempio tra i Ciliati trovo i Tintinnina (o Calpionelle) la cui più comune è Calpionella alpina del Titonico (un piano del Giurassico Superiore) della Tetide …le Facies a Calpionella prendono il nome proprio da questo genere.

I Tintinnina attuali sono generalmente Leggi tutto “Serve AIUTO per Tesi in Archeologia ma anche in Micropaleontologia!”

Il Museum de Gherdeina

Stefano Rossignoli 13 maggio 2011

Una gita al Museum de Gherdeina di Ortisei è di certo una tappa obbligata per chi trascorre le sue vacanze estive o invernali nella Val Gardena o nelle sue vicinanze. E non solo per la sua splendida collezione paleontologica e mineralogica, ma anche e soprattutto per quella di sculture in legno e di reperti archeologici di cui è ricchissimo…

Olotipo

Ho conosciuto questo luogo per lavoro, in quanto il museo necessitava di inventariare la sua collezione di fossili.

In questo semplice post, vi racconto il mio lavoro nella settimana a Ortisei in stile ‘Diario di viaggio’

La partenza da casa è per il lunedi sera dopo cena, quando la tangenziale Milanese si svuota. Devo percorrere circa 400Km per raggiungere il luogo. Passo qualche oretta riposando nella mia Pandina ad una stazione di servizio di un posto qualsiasi, purchè  sia già in mezzo alle montagne e mi faccio svegliare dalla luce solare e dal canto degli uccellini, dopo di che, faccio una bella colazione e riparto.

Alle 8:15 sono ad Ortisei. Le nuvole mi impediscono la visione dei monti circostanti…

Alle 9 circa, conosco la Direttrice del Museo Paulina Moroder e la segretaria Monika Kelder, due persone squisite che subito mi fanno sentire a mio agio. Ci raggiunge anche Johann Mattihas Comploj che chiamerò praticamente subito Hans e che ha scoperto ottimi siti fossiliferi e che mi aiuterà nel lavoro per tutta la lunga giornata fino alle 22:00 circa…

Hans e Ste!
Hans e Ste!

 

Non è come dirlo, spostarsi di 400Km per un lavoro (C’è gente che è sicuramente più esperta di me in questo!!!). Bisogna organizzarsi e non sai mai cosa troverai di preciso. Io sono bravissimo nella pianificazione del dopo-lavoro: sulla mia macchina ci sono, Bicicletta, tenda, attrezzatura da roccia, da ghiaccio, da corsa e un paio di buoni libri… Ma anche tutto il necessario per l’inventario, dai piccoli pennarelli indelebili al calibro ventesimale, Leggi tutto “Il Museum de Gherdeina”