Stefano Rossignoli 3 gennaio 2012

In un breve video (a cui seguirà la storia geologica del Monte San Giorgio) parlo dell’interpretazione che i paleontologi danno alla presenza o meno degli Ittiosauri negli strati bituminosi e nelle dolomie laminate della Formazione di Besano in modo da dare un esempio di come si arriva ad aggiungere un tassello nel puzzle del passato.

Le rocce della Formazione di Besano (conosciuta anche come Grenzbitumenzone o Zona Limite Bituminosa) sono famose tra i Paleontologi dal 1800 e conosciute da molto prima per il loro caratteristico contenuto in bitume.

Scavo paleontologico di sasso caldo (VA)

Scavo paleontologico di sasso caldo (VA) - Si notano ancora i cartellini bianchi per la numerazione degli strati

Sono state conosciute inizialmente nella ricerca di combustibile fossile grezzo, poi per estrarne Gas a seguito di un progetto ambizioso in cui si voleva illuminare la città di Milano col gas ottenuto dal bitume (vedi questo link affascinante del 1839 “Dei vari modi d’Illuminare” da documenti del Politecnico di Milano) e successivamente per estrarne Saurolo ,una pomata medicamentosa per la pelle del tutto simile (o uguale!) all’Ittiolo che veniva già prodotto in Austria a Seefeld (il nome Ittiolo non poteva più essere utilizzato per una questione di copyright quindi si optò per Saurolo in quanto negli strati bituminosi erano presenti rettili fossili …sauro=rettile)…

La conoscenza dei fossili del San Giorgio quindi  è dovuta, come spesso accade, allo sfruttamento commerciale delle rocce della montagna.

Molte miniere del passato divennero scavi paleontologici ed altri siti fossiliferi sono stati rintracciati dai Paleontologi in seguito, anche in questi ultimi anni in cui il San Giorgio è diventato anche sito UNESCO per la paleontologia.

Non esiste attualmente un sito fossilifero in cui è “registrata” una serie così continua di eventi relativi al Triassico Medio…anche se nello Yunnan in Cina, le novità non mancano, ma di questo parleremo semmai prossimamente!!!

Buona visione e a presto!

Bibliografia:
Oltre a molte chiacchierate col Prof Andrea Tintori e Markus Felber (rispettivamente direttore scientifico e site managr Monte San Giorgio UNESCO), anche:

“Il triassico medio delle Prealpi lombarde”
Autori:
Andrea Tintori (Dip. Scienze della Terra A.Desio UNIMI Milano)
Cristiano dal sasso (Museo civico di Storia Naturale Corso venezia 55, 20121 Milano)
Markus Felber (Markus Museo dei fossili di Meride (TI_CH)
Cristina Lombardo(Dip. Scienze della Terra A.Desio UNIMI Milano)
Stefania Nosotti(Museo civico di Storia Naturale Corso venezia 55, 20121 Milano)
Silvio Renesto (Dipartimento di Biologia strutturale e funzionale Uninsubria -21100 Varese)
Giorgio Teruzzi(Museo civico di Storia Naturale Corso venezia 55, 20121 Milano)

ecc, ecc…